L’arpeggione

Ahhh, che piacere trovare questa notizia su Wikipedia.
Dovete sapere, e forse da qualche link qui già lo sapete, che io sono un fanatico dei Sixties, forse non tanto per la musica in sé quanto per l’atmosfera di quegli anni, per il contorno, per gli aspetti sociali della rivoluzione londinese del 1963/1967. Tant’è che il mio blog precedente su Splinder si intitolava Sociomusica.

Insomma, un giorno scarico e ascolto gli Hollies, e mi accorgo di questa canzone, la cui progressione armonica della strofa (Sol maggiore/Si maggiore/Do maggiore/Do minore) è la stessa del pezzo d’esordio dei Radiohead, la celeberrima Creep. Chiaramente, tutti a prendermi per il culo.
Ma io confido nel tempo galantuomo, ed ecco qui la notizia: sul disco dei Radiohead, la loro canzone è firmata sì dai componenti della band, ma sono indicati anche come autori Hammond e Hazelwood, ovvero gli autori di “The air that I breathe”.
Quasi quasi ora cerco i brani in questione e vi butto giù un remix .)

The Air That I Breathe – Wikipedia, the free encyclopedia

Isotopie narrative

FacebooktwitterlinkedintumblrmailFacebooktwitterlinkedintumblrmail