25 ottobre, sbattezziamoci

Da quando esiste questo blog, anni, vedete sulla destra un chicklet che rimanda al sito della UAAR, per sbattezzarsi. Sì, Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti. Sì, le istruzioni su come procedere per scrollare via dalla propria identità l’etichetta di cattolico.
Se non andate a messa né mai pregate e magari ritenete anche che la chiesa romana ne ha fatte e ne sta facendo di cotte e di crude, impicciandosi, sbattezzatevi. La vostra spiritualità (eventuale) potete coltivarla in molte altre maniere, eticamente migliori, magari sempre cristiane, ma più come dire protestanti. E sto parlando sempre di religione, mica son contro per principio: rispetto le scelte personali degli altri, ma l’azione pesantemente politica della chiesa cattolica, a Roma come nei paesini, sta limitando la mia libertà, e non mi piace.Almeno si battezzassero persone consapevoli, dubbiose ma maggiorenni, se non trentenni come Gesù che scelgono di intraprendere un percorso di ricerca. Ma qui battezzano i neonati (mica era sempre così), e si vantano che il 90% della popolazione italiana è cattolica, quando forse il 15% va a messa. Poi magari chiedono soldi allo stato, per il fatto che sono la religione principale (fino solo a ventanni fa, la religione di stato, appunto), quando è già curioso sapere cosa ne fanno dell’ottopermille.
Fate pure, ma non ricorrete a trucchetti.

Per coloro che vogliono liberarsi dal giogo di questa appartenenza imposta ad una certa ideologia, il 25 ottobre significherà Giornata dello Sbattezzo.

‘Sbattezzo’ significa cancellazione degli effetti civili del battesimo, ossia l’elementare diritto, stabilito da un provvedimento del Garante per la privacy, di non essere più considerati dallo Stato come “sudditi” della Chiesa, “obbedienti” e “sottomessi” alle gerarchie ecclesiastiche.

Qui trovate altre informazioni.

Da molti mesi tengo i fogli per sbattezzarmi qui sulla scrivania. Prima ancora avevo trovato chiuso (non ridete) presso la parrocchia dove son stato battezzato, dove non celebrano più. Ora potrebbe essere la volta buona.

Isotopie narrative

2 pensieri su “25 ottobre, sbattezziamoci

  1. spleen

    Toh, credevo che sbattezzare stesse ad indicare il rinnegare (o abiurare) la religione cristiana. Non credevo che l’essere cristiano/a battezzato/a fosse un marchio e stesse ad indicare il vivere da sudditi obbedienti e sottomessi. Se cosi fosse non sarebbe possibile mettere in pratica lo sbattezzo, magari ci sarebbe una specie di punizione, tipo sharia (ogni riferimento ad altre religioni è puramente voluto).

I commenti sono chiusi.