Due segnalazioni

Questo è il link per un bell’articolo di Zambardino, su Repubblica. Si parla di come un colpetto qui un colpetto là venga limitata quella famosa libertà della Rete di cui tutti parlavamo, persino i Presidenti americani o i politici nostrani. Poi però ci sono interessi commerciali, come sapete, ci sono Stati che vogliono controllare ogni mail che spedite (diritti calpestati) e allora la Rete capitola.
Ottima la chiusa dell’articolo: arriveranno quelli che ci dicono come rendersi anonimi, quali espedienti tecnici utilizzare per non essere rintracciati… ma questo contribuirà a creare un sentimento carbonaro, nel nostro contrapporci al Potere in modo non trasparente. Io vorrei invece abitare in una Rete trasparente, col mio nome e cognome, diritti e doveri, alla luce del sole. E nessuno devo poter leggere la mia corrispondenza privata. E in ogni caso, proprio a voler fare i sospettosi e a voler vedere dietro le apparenze, cerchiamo di non dimenticare la “… lezione della storia per cui la clandestinità stessa è una creazione del potere, che il potere controlla e dal quale trae benificio”.
A questo indirizzo trovate invece un articolo di Leonardo Tondelli su l’Unità: riguarda la tematica della valutazione degli insegnanti, e le conseguenze quasi ovvie di quello che avverrà dopo l’introduzione di sistemi di misurazione del merito professionale dei docenti fondati sulle prove Invalsi, come la ministra Gelmini propone. Avverranno furbate, come al solito e come dappertutto, e le conseguenze sociali di questo fare contribuiranno al peggioramento della qualità complessiva del sistema sociale in cui viviamo.
Buona lettura.

Isotopie narrative

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail