Tablet a scuola, a Pordenone

PORDENONE. Rivoluzione tablet in terza liceo scientifico: la scuola digitale è nel Don Bosco, a Pordenone. Per 20 liceali didattica digitale 2012-2013 avanti tutta già da oggi con la prima campanella. Costo previsto del progetto Sdi, cioè Sistema didattico integrato in collaborazione con l’azienda Kne di San Donà di Piave: 20 mila euro. Pagano il Don Bosco e un benefattore privato che è sponsor dell’impresa.
E-book, tablet, lavagna digitale e la classe di viale Grigoletti diventa i-cloud, con la “nuvola” a portata di clic. Prima scuola nel pordenonese con e-book, testi condivisi, presentazioni interattive, blog, piattaforma di istituto: per cinque discipline che sono italiano, matematica, fisica, inglese, scienze naturali. Il progetto ridurrà il salasso del caro-libri per le famiglie: 50 per cento nel 2012-2013. Poi, la scuola digitale si spalmerà a onda nelle altre classi e indirizzi classico ed economico.
«Il cuore del progetto è la piattaforma open source a cui accedono i ragazzi e professori – ha spaziato don Silvio Zanchetta direttore della casa salesiana di Pordenone con il professore di matematica Francesco Saitta tutor dell’operazione -. Niente più libri cartacei, speriamo: entro il 2015 ogni studente avrà un tablet con tutti i libri di testo. E’ una sfida educativa: primo bilancio alla fine del primo quadrimestre, in gennaio».
Disco verde alle tecnologie in aula, con video-proiettore multimediale, computer e tablet. I pacchetti didattici costruiranno un data-base con testi digitali, contenuti multimediali, arricchiti dai contributi degli studenti e il social reading, con le note condivise.
«E’ una rivoluzione nel metodo di apprendimento e di insegnamento – sono entusiasti i liceali -. Lo start-up sarà per una ventina di compagni, ma ci saranno novità per tutti gli studenti: wi-fi in tutto l’istituto e potremo attingere agli iper-testi, video e altro». Per esempio: la videata del tablet ha icone varie, compreso “mio diario” che si clicca e si entra in “lezioni”, per scaricare dispense, segmenti di e-book di scienze, matematica e altre discipline. «La rivoluzione tecno si innesta su una grande tradizione scolastica – dicono al Don Bosco -. Il tablet si carica alla sera, a casa, per infilarlo nello zaino al posto dei libri. Una “tavoletta” che diventa libro, quaderno e banca-dati con un clic sulla piattaforma di istituto». Contenti i “nativi digitali”, con la pagella elettronica in dote.
Chiara Benotti

Isotopie narrative

FacebooktwitterlinkedintumblrmailFacebooktwitterlinkedintumblrmail