Aspettarmi

L’inferno sono gli altri.
Io sono Altro a me stesso.
Io sono un inferno.

Il sillogismo fa sorridere, e l’accento è sull’Io.
Odiosa finzione narrativa autobiografica, questo Io costretto a far la spola tra Piacere e Realtà, insieme alla sua scudiera Volontà. Prevedibilissimo. Instauratore di abitudini. Perbenista e moralista, perché deve far contenti tutti. Ama i binari. È pauroso, si difende, nasconde sé stesso. Lo concepiamo ancora come una bolla – bordi, limiti – dentro di noi, quando in realtà trova il suo senso nella relazione con il Mondo, con te e con quell’albero, l’Io È relazione.
Ama poco, forse, quel narciso egoistaccio, e non sa giocare e mettersi in gioco.
Ci impedisce di non essere noi stessi.
Cioè ci impedisce di essere noi stessi, che notoriamente non siamo noi stessi.
Reca danno ammantandosi di buone intenzioni, poi. Si dipinge innocente, il vestito buono della domenica. Se si scopre sporco e malvagio, non vuole saperne di farsi aiutare a cambiare e darsi una ripulita, perché sta bene così, non vuole essere salvato, si piace così.
Trova senso in sé stesso, meschinamente, l’Io.
E io – cioè, la narrazione di me stesso a me stesso – dovrei, dicon tutti, “diventar me stesso”, sapete? È un imperativo! Così poi scopro bene chi odio veramente. Non è neanche un plot twist, poca roba.
L’unica certezza è che dovrei fare un passo laterale per guardarmi da fuori e per guardarmi nella relazione con l’Altro compresa la relazione di guardare me stesso dentro una relazione con quell’Altro che è me stesso, fuori dall’Io, ma guarda caso è proprio quello che l’Io mi impedisce.

C’è un’unica soluzione. Il passo laterale, ma d’inciampo.
Essere altri. Essere Altro. Fare Altro, ecco. Sgambettarmi. Non credermi. Attraversarmi, e aspettarmi dall’altra parte.
La porta è l’Io. E non c’è mai stata porta.

Isotopie narrative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *