jannis

Dopo di noi, il diluvio

Una volta avevo un blog, dove scrivevo e scrivevo.

Si può dire che scrivevo sempre della stessa cosa, ovvero del cambiamento socioculturale. Del contesto dei cambiamenti storici, delle innovazioni tecnologiche o procedurali, delle trasformazioni sociali indotte dai mass-media, delle narrazioni mitologiche o quotidiane che accompagnano l’agire umano, delle resistenze al cambiamento nelle organizzazioni o nella psicologia dei singoli.
E più volte devo aver scritto “non si può mettere vino nuovo negli otri vecchi”, riecheggiando la parabola evangelica.
Indovinate perché non si può fare.

Ragionando dei nuovi contenuti culturali – nuovi tipi di contenuti da esprimere, frutto di possibilità digitali – e della necessità di provvedere nuovi contenitori per la loro distribuzione e fruizione, la mia generazione ha perso.

Avere già venticinque o trent’anni e vedere esplodere Internet nel Web, venticinque anni fa, avrebbe dovuto fornirci la forza di rendere concrete in termini di strutture sociali economiche e culturali le idee innovative che ci lampeggiavano ogni giorno dentro la testa e davanti agli occhi, sugli schermi.

“Attenti con l’http e le enciclopedie”, dicevamo. Attenti agli mp3. Attenti ai blog. Attenti al mercato dell’informazione. Attenti al crowdsourcing o user generated content. Attenti agli smartphone. Attenti allo streaming. Attenti agli ambienti formativi. Attenti alle modalità della narrazione politica. Attenti, a tutto. Perché tutto cambierà.

Sarebbe stato alquanto conveniente, perfino intelligente, etico, civile, generazionalmente lungimirante progettare subito dei contenitori adeguati al diluvio dell’Età dell’Informazione, progettare arche dove salvare il mondo pre-digitale, entrare nel nuovo millennio abitando il digitale in maniera dignitosa, redigendo nuove mappe dei nuovi luoghi dell’espressione dell’Io delle collettività e dei territori, avendo come punti cardinali i valori della condivisione, della trasparenza, della Conoscenza, del benessere individuale e collettivo, con consapevolezza.
Non ci siamo riusciti.

Le resistenze ai modi nuovi di intendere la socialità e la cultura, il tornaconto economico e la logica miope delle vecchie strutture di potere hanno impedito il cambiamento, oppure hanno costretto il nuovo in forme vecchie, inadeguate.
Indovinate cosa succederà.

Isotopie narrative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *