Identità in Rete

Sì, un’altra lista.
Ogni giorno nascono nuove idee per il web, e diventa seriamente un problema seguire tutte queste novità e non solo leggere e capire ma anche registrarsi e smanettarci un poco per capire bene.

Vediamo un po’… cosa serve oggidì ad una gentildonna o a galantuomo sul web?
Direi un luogo startpage da cui irradiare identità, tipo ClaimID o Facebook, dove sia possibile pubblicare e condividere collaborativamente documenti multimediali organizzati in categorie o descritti da tag, dove sia facile stabilire contatti interpersonali favorendo la ricerca mirata e l’interazione, con una grafica almeno parzialmente personalizzabile, un luogo che sia utile a chi lo gestisce e a chi lo frequenta.
Parliamoci chiaro: ognuno di noi viene chiamato ad allestire e caratterizzare il proprio avatar, se ci concentriamo sulla persona, oppure il proprio spazio di vita, se ragioniamo sulle attività.
Ah, il valore dell’aggettivo social
Pensate a Beppe Grillo: tutto ciò che vi è venuto in mente in questo momento è una collezione di sentimenti che poggiano su oggetti culturali da voi fruiti nel corso del tempo: Grillo a Domenica in, telodòioilbrasile, sanremo, opinioni, scandali, discorsodicapodanno, teatro, fotografie, scritti, blog, sito, insomma tutto quello in cui vi siete imbattuti.

Domani andrò a visitare la casa online di un mio amico, o di BeppeGrillo, e tutto ciò che vedrò e con cui interagirò mi darà una rappresentazione della persona, un po’ come oggi mi faccio un’idea di qualcuno leggendo i titoli dei libri che tiene in salotto e le fotografie sulla credenza e i dipinti sulle pareti e la scelta delle stoffe per i divani e l’arredamento e i vestiti che indossa e come parla o scrive o filma.

Credo che occorra un centro identitario.
Meno dispersione. O perlomeno almeno un centro identitario, e poi tutte le altre cose che facciamo quotodianamente su web. Ma ci penserà Google, tranquilli.
Vedo anche sempre meno nick sul web, sempre più nomi e cognomi veri. Necessità di riconoscimento, visibilità, Mondo e Web coincidono.
Non invento più identità altre, ma allestisco la mia come un nodo della rete. Chi è su Web da dieci anni è portato ora a radunare le facce e le tracce e i frammenti disseminati in giro, a rivendicare identità, a consolidare un io liquido.
Il Mondo vive nel Web, ed il Web vive nel Mondo: siamo nel biodigitale.

Software Development in the Real World: Best of the Best Web 2.0 Web Sites

Isotopie narrative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *