Tecnica e Cultura Tecnologica, insegnanti e le forme del sapere.

Stanotte ho scritto il post precedente a questo, dove volevo raccontare solamente di Ubuntu, e come al solito parlando di scuola va a finire che perdo le staffe, comincio a lamentarmi della chiusura mentale di certi insegnanti, della loro incapacità di mettersi in gioco dinanzi ai cambiamenti epocali che stiamo vivendo noi tutti, grazie alla Rete e alle nuove modalità di condivisione della conoscenza.

Come già dissi, in me si agitano ancora degli assetti valoriali sgocciolati giù dagli anni sessanta e dai dibattiti degli anni settanta, in me sopravvivono richiami ad una rivoluzione giovanile che chi è cresciuto in pieno negli anni ottanta già non possiede più.
A Udine, periferia dell’Impero, nel 1982 la cultura era ancora quella dei Settanta, nei bar suonavano jazz-rock o blues, Weather Report o Canterbury Sound o Peter Green, le ragazze fricchettone avevano le camicie indiane, borsa di cuoio con saffi arrotolato alla cinghia pronto per filtrare il cilum, si innamoravano di Morrison o di Robert Plant.

Ma per cambiare il mondo serve educazione.
Ho provato a lavorare nel sociale, poi ho redatto e condotto dei progetti territoriali rivolti alla popolazione giovanile, poi mi sono accorto che in realtà proprio le scuole elementari sono il luogo della formazione delle personalità dei futuri cittadini (non parlo di contenuti, parlo dei contenitori destinati ad accogliere le identità), e che quindi se volevamo cambiare il mondo io e Jim Morrison dovevamo rivolgerci agli insegnanti delle scuole primarie, perché lì avvengono le alchimie della trasformazione, lì vengono dissodati nutriti e bagnati i campi ovvero le giovani menti degli allievi, affinche siano pronte ad accogliere e far germogliare i contenuti, le capacità e le competenze che gli ordini scolastici successivi semineranno.

Poi oggi leggo su FuoridiClasse un bell’intervento di Lorenza, il quale a sua volta richiama Zambardino a sua volta ripreso da Lipperini.

C’è un gran bisogno di Cultura Tecnologica. Punto.
C’è un gran bisogno di superare dualismi del tipo “le due culture”, stantii e superati da sessant’anni.
C’è un gran bisogno che la Scuola si dia una mossa, e parlo di comportamenti e competenze, di visione-del-mondo, non di computer.

Fuori di Classe

Isotopie narrative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.