WWW mi piaci tu (disse Facebook)

Facebook ha fatto una mossa notevole. Ora è possibile mettere il bottonetto “Like” ovunque sul web, e quando lo cliccate, a esempio su un blog, questo vostro “Mi piace” viene riportato dentro Facebook, e la vostra cerchia di amici ne viene a conoscenza.
Questo porta il web dentro FB, con facilità. E non soltanto linkando o feedando pagine, ma garantendo ovunque  l’emozione di un piacere. Web affettivo, questo è.
E non pensate sia mossa da poco: tanto quanto il bottone “commenti” di un blog racchiude in sé l’universo conversazionale (che proprio i blog hanno storicamente abilitato), così il cliccare “Like” dentro e ora anche fuori Facebook è l’interruttore della propagazione, la funzione minima della socialità in Rete, la polla d’acqua che segnala in superficie lo scorrere profondo di relazioni interpersonali.
Facebook ne ricaverà molto, in termini di conoscenza, da questa nuova possibilità, avrà modo di tracciare meglio un sacco di cosette, e di costruire dei social graph molto più accurati, osservando la tessitura della socialità online. Tra l’altro, ci sono state delle modifiche nelle politiche di privacy abbastanza profonde.
Su tutto questo, leggete Dario Salvelli e Vincenzo Cosenza.
NB La foto sopra mi serve per dirvi che è ricominciata la Vespa Season: oggi ho cambiato l’olio al motore, poi con la stessa benzina che era rimasta nel serbatoio cinque mesi fa l’ho rimessa in moto, al secondo colpo di pedivella. Al secondo colpo di pedivella. E ho fatto anche un giretto in città.

Isotopie narrative

FacebooktwitterlinkedintumblrmailFacebooktwitterlinkedintumblrmail

2 pensieri su “WWW mi piaci tu (disse Facebook)

  1. Walter

    E come si fa a metterlo sul Blog, eh?
    :-D
    Comunque, visto che fai i giretti, passerai cinque minuti con me e un rosso, quando vuoi?
    Daniele

I commenti sono chiusi.