Friuli esotico

Mettiamo dunque voi siate un mongolo, una visigota, un vandalo (quello sono io), un longobardo o prima ancora una celta che adorava Beleno… comunque sospinti verso ovest sareste giunti in quella che gli austroungarici chiamavano Galizia, dietro i Carpazi, e quindi risalendo fiumi dal lento fluire dell’Europa orientale su fino alla Drava, al Vipacco, all’Isonzo, e sentendo l’odore del mare avvicinarsi, il caldo Mediterraneo, vi sareste affacciati sull’Italia da qui. Oppure dalla valle contigua a questa. Qui siamo dove latini, slavi e tedeschi si incontrano, di qui sono passati tutti. e han visto questo

il posto è rimasto selvaggio: vi rallegro la visione con questo cartello stradale (a me talvolta il Friuli sembra il Nebraska)

 

 

Friuli_ Umana_

2 pensieri su “Friuli esotico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.